Riccardo Marogna

Nasce a Verona nel 1980. All'età di 12 anni inizia lo studio del sax tenore, poi del clarinetto. Prosegue gli studi al Conservatorio "F. E. Dall'Abaco" (Verona). Ha studiato clarinetto e improvvisazione jazz con il M.o Achille Succi presso il Conservatorio "G. Frescobaldi" (Ferrara), nel 2011 ha conseguito la Laurea Triennale in Musica Jazz con il massimo dei voti e la lode con una tesi su alcune opere di Anthony Braxton, Steve Coleman, Tim Berne e proprie composizioni originali. Nel 2009 ha frequentato i seminari estivi di Siena Jazz. Ha studiato, tra gli altri, con John Taylor, Kenny Werner, Franco D'Andrea, Miguel Zenòn, Achille Succi, Mauro Negri, George Garzone, Roberto Dani. Laureato in Ingegneria Elettronica, dal 2005 al 2010 ha svolto attività di ricerca presso l'Università di Padova occupandosi di informatica musicale. Suoi lavori sono stati presentati alle Conferenze Internazionali “DAFX-Digital Audio Effects”, al “XVII Colloquio di Informatica Musicale” (Biennale Musica, Venezia 2008) e pubblicati dalla prestigiosa IEEE Signal Processing Society. Da più di 10 anni svolge un'intensa attività concertistica con diverse formazioni; tra i suoi progetti attuali il trio etno-jazz "Bube Sapràvie" con il quale ha inciso due album e partecipato a numerose rassegne (FolkEst, Ubi Jazz, Storie di Jazz), il quartetto avant-jazz “AIRE”, il trio “Hature Magnets”. Ha all'attivo inoltre collaborazioni in ambito cantautorale (Alessandro Grazian, Debora Petrina, Piccola Bottega Baltazar), e del teatro di ricerca (TAM - Teatromusica).

Programma del corso di clarinetto

PRESENTAZIONE
Il corso si articola su diversi livelli a seconda della preparazione del singolo allievo. Il livello base (principiante) ha come obiettivo l'avvicinamento dello studente allo strumento con modalità consone all'età, alle conoscenze pregresse ed alle aspirazioni. Il livello avanzato si articola invece come un percorso di ecarattere jazzistico e popolare.

A CHI E' RIVOLTO IL CORSO
• a chi vuole avvicinarsi per la prima volta a questo affascinante strumento;
• a chi possiede già una conoscenza dello strumento e vuole acquisire tecniche avanzate per l'improvvisazione jazzistica e/o l'esecuzione del repertorio folk e popolare;
Per il corso base non sono richiesti prerequisiti particolari, eccetto avere un'età non inferiore ai 10 anni.

ARGOMENTI TRATTATI
Il programma seguente è da intendersi come una traccia: per ogni singolo allievo verrà concordato un percorso perticolare a seconda delle esigenze, aspirazioni, capacità.

Principiante
• La respirazione: esercizi base
• Posizione del corpo, delle mani, della testa, dello strumento
• L'imboccatura
• L'emissione delle prime note (registro medio/chalumeau)
• L'articolazione
• Registro medio e grave
• L'emissione nel registro acuto
• Studio delle scale, degli arpeggi, degli intervalli
• Studi da metodo ed altre semplici composizioni

Avanzato (tecniche per l'improvvisazione jazzistica)
• Il suono: l'impostazione jazzistica
• Studio delle scale (maggiori, minori, simmetriche, be-bop..)
• L'articolazione
• Studio di semplici progressioni accordali (blues, rhythm changes, standard semplici..)
• Trascrizione e studio di assoli a scelta
• Gli effetti: vibrato, glissando, growling , frullato, slur
• Il clarinetto nella musica popolare Est-Europea: il klezmer

Programma del Corso di Informatica Musicale e Home Recording

Registrare, manipolare, produrre musica con il computer

PRESENTAZIONE
Il corso si propone di fornire gli strumenti tecnico-informatici indispensabili per poter registrare, editare, produrre e manipolare la propria musica con l'ausilio di apparecchiature digitali. Il computer è uno strumento che offre molteplici risorse per chi fa musica: può servire da generatore di suoni, registratore, banco effetti, editor di partiture, piattaforma real time per l'elaborazione del suono in live e molto altro. Il corso cercherà di fornire una panoramica sull'informatica al servizio della musica, focalizzandosi sugli aspetti tecnico-pratici più utili. Il corso prevede sia lezioni teoriche frontali che sessioni pratiche per sperimentare direttamente “sul campo” le tecniche acquisite.

A CHI E' RIVOLTO IL CORSO
Il corso è rivolto e consigliato a tutti gli appassionati e professionisti del settore musicale: strumentisti, Dj, autori e cantautori, o a chi semplicemente vuole provare ad utilizzare il proprio computer in modo creativo. Non sono richiesti prerequisiti particolari eccetto una minima familiarità con un sistema operativo (Windows, Mac OS o Linux).

MODALITA' DI SVOLGIMENTO
Il corso si articola in un ciclo di 8 lezioni, di 2 ore ciascuna, svolte con cadenza settimanale. Le lezioni sono collettive, multimediali, con dimostrazioni pratiche. E' utile ma non obbligatorio portare il proprio laptop per sperimentare direttamente a lezione gli argomenti trattati. Se il numero di iscritti lo consente verranno attivati due livelli di corso (base - avanzato).

ARGOMENTI TRATTATI
Gli argomenti qui illustrati sono una traccia generale: il programma del corso verrà concordato con i partecipanti a seconda del livello di preparazione, degli interessi e delle aspirazioni.

Concetti base
• Cenni di acustica
• Cenni di informatica di base
• Registrazione audio: tecniche di ripresa, microfonazione, connessioni • Il mondo digitale: campionamento, quantizzazione, latenza
• L'interfaccia hardware audio/midi
• Il protocollo MIDI, cos'è un sequencer

Registrazione, Editing, Mixing

• Registrazione multitraccia
• Editing, mixing e mastering
• Panoramica sulle DAW (Digital Audio Workstation) più conosciute, sia commerciali
(Cubase, Pro Tools, Logic Studio, Adobe Audition, GarageBand,...) che freeware/open source (Audacity, Ardour, Rosegarden,...)

Il Computer come banco effetti
• Gli effetti digitali: descrizione e loro utilizzo (equalizzatore, compressore, riverbero, chorus, flanger, overdrive...)
• i Virtual Effects (plugin VST per l'elaborazione dell'audio)

Composizione e notazione
• Scrivere le proprie partiture con il computer: i software di notazione musicale (Sibelius, MuseScore)

Campionatori e sintetizzatori
• Cos'è un campionatore
• Cos'è un sintetizzatore
• Cenni di teoria delle tecniche di sintesi: additiva, sottrattiva, FM, modelli fisici. • I Virtual Instruments, i software di emulazione dei synth analogici.

Real Time Audio Processing
• I software per l'audio processing real time: Ableton Live, Max/MSP, Pure Data
• Come disegnare in Pure DataMax/MSP il proprio banco effetti personalizzato da usare
dal vivo con la propria strumentazione